L’11 dicembre si è svolta l’edizione 2016 della maratona di Reggio Emilia. Una maratona sostenibile.

Grazie al sostegno dell’UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) di Reggio Emilia e del comitato dell’Emilia Romagna la manifestazione è stata organizzata puntando alla sostenibilità ambientale. Per questo mi interessa mostrarti quali solo le scelte organizzative che sono state fatte per rendere questo evento sportivo sostenibile.

 

Misure di sostenibilità

Riporto qui di seguito le misure che sono state adottate così come illustrate sulla pagina: http://www.maratonadireggioemilia.it/maratona/sostenibilita/

  • Coinvolgimento di organizzatori, espositori, atleti e volontari nelle scelte sostenibili e nei processi di miglioramento dell’evento
  • Segreteria organizzatrice con gestione sostenibile degli uffici (forniture ecologiche prodotti cancelleria e pulizie, raccolta differenziata, scambio materiale in formato elettronico, etc.)
  • Indicazioni su strutture ricettive a km zero
  • Volontari per supporto atleti e sensibilizzazione buone pratiche
  • Valorizzazione dei prodotti a filiera corta e delle eccellenze del territorio
  • Utilizzo di auto-cronometro ibride
  • Utilizzo di navetta e punti raccolta per gestione collettiva atleti ritirati
  • Promozione “Ti Veniamo a Prendere”, iniziativa per incentivare il trasporto collettivo di gruppi ed associazioni sportive
  • Incentivazione mobilità pubblica con bus navetta (orari navetta)
  • Presenza “casa dell’acqua” al punto di arrivo degli atleti
  • Sperimentazione di un punto ristoro con acqua a km zero (“42 Km per te, 0 Km per l’acqua”)
  • Distribuzione di asciugamani in cotone con logo maratona (al posto delle mantelline termiche usa-getta indifferenziabili)
  • Raccolta e riutilizzo di indumenti gettati nel post-partenza attraverso collaborazione con gattile e canile
  • Gestione raccolta rifiuti differenziata e piano di monitoraggio
Rifiuti maratona sostenibile

Rifiuti, Maratona

Queste che hai visto sono state pratiche introdotte nell’organizzazione dell’evento. Oltre a ciò si è pensato anche a fare un’azione di sensibilizzazione del singolo atleta partecipante alla maratona attraverso dei consigli pratici: 

  • Recarsi alla maratona con mezzi pubblici o appositamente messi a disposizione
  • Utilizzare la raccolta differenziata dei rifiuti come spiegato dai volontari
  • Contribuire attivamente nell’organizzazione di questa maratona sostenibile

 

Tutti i risultati in termini di sostenibilità ottenuti da questo evento sportivo sono stati monitorati e analizzati. L’obiettivo che UISP Emilia Romagna si è prefissa nel 2014, quando partì questa iniziativa, è la realizzazione di un manuale per l’organizzazione di eventi sportivi sostenibili.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *