L’azienda Ecofario di Monaco di Baviera ha sviluppato un filtro per microplastica. Il 36enne fondatore Sebastian Porkert ha inaugurato il primo sistema pilota che è stato installato nell’impianto di depurazione di Eching am Ammersee.

Come funzionano il filtro per microplastica

Gli impianti di trattamento delle acque reflue non riescono a filtrare le minuscole particelle di plastica rilasciate durante il lavaggio di indumenti sintetici (soprattutto il primo lavaggio) e dai cosmetici. Queste arrivano ai fiumi, laghi e torrenti. Tuttavia, se le particelle di plastica venissero trattenute nell’impianto di depurazione, si potrebbe evitare gran parte dell’inquinamento.

Il filtro di plastica di Porkert chiamato “High-G-Separator” e funziona accelerando tramite rotazione le acque reflue in modo da permettere la separazione delle particelle di plastica. La tecnologia non necessita affatto di un mezzo filtrante, quindi non può ostruirsi.

Anche le prime analisi dell’impianto di Eching sono molto promettenti: secondo il fondatore, oltre l’84% delle particelle di microplastica può essere filtrato in un solo passaggio e il 95% in due passaggi. Ecofario vuole fare ancora meglio: il separatore dovrebbe raggiungere un’efficienza dal 95 al 99 percento. Un altro vantaggio: le microplastiche assorbono anche tossine, ormoni e residui di farmaci. Questi vengono quindi rimossi dall’acqua insieme alle microplastiche.

Fonte: https://en.munich-startup.de/

Filtri in microplastica da 3 a 5 euro all’anno

tenendo in conto che ogni impianto di trattamento delle acque reflue è diverso. Il fondatore ritiene, tuttavia, che i costi ammontino in media a 6-10 centesimi per metro cubo d’acqua. Sarebbe tra i 3 ei 5 euro all’anno per cittadino.

Attualmente i sistemi di prova sono dotati ciascuno di un idrociclone, notevolmente più piccolo dei filtri in microplastica che Ecofario vorrebbe produrre presto in serie. Tuttavia, secondo Porkert, le dimensioni possono essere facilmente adattate all’impianto di trattamento delle acque reflue combinando tra loro più o meno componenti principali, cioè sistemi di filtraggio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.